LAVORO A DISTANZA E…FINALMENTE POLIZZA SANITARIA…

Condividi articolo

Facebook
Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Cari amici,
si è tenuto ieri un incontro con l’Amministrazione per discutere:

“Nuove Linee guida lavoro a distanza”;
“Contrattazione integrativa relativa ai benefici socio-assistenziali (polizza sanitaria).

Le precedenti Linee guida del 2021 saranno revisionate al fine di armonizzarle con il nuovo CCNL Istruzione e Ricerca 2019-2021.

L’Amministrazione ha recepito la maggior parte delle nostre osservazioni (anche i direttori di struttura potranno usufruire di massimo 5 giornate al mese in modalità lavoro agile/telelavoro, estensione delle tutele per i fragili e caregiver attraverso la possibilità di usufruire di un numero di giornate in lavoro a distanza maggiori di 10, ecc.). E’ stato però sottolineato dall’Amministrazione che, essendo lavoro agile e telelavoro due istituti diversi, non sia possibile giuridicamente erogare il buono pasto ai colleghi che effettuano lavoro agile e come non sia più consentito (come più volte già chiarito dall’ARAN e evidenziato nel CCNL 2019-2021) effettuare il lavoro a distanza nella modalità orizzontale.

L’Amministrazione prendendo atto delle nostre osservazioni ha fatto presente che entro un paio di settimane saranno ultimate le nuove linee guida e la nuova modulistica per i contratti individuali.

Relativamente ai benefici socio-assistenziali, nonostante l’ostracismo di alcune sigle sindacali ben note, è stata FINALMENTE scelta la polizza sanitaria ASDEP, predisposta per i dipendenti della Pubblica Amministrazione e già in vigore presso primari Enti Pubblici (INPS, AIFA, INPDAI, ecc.), la quale sarà stipulata il prima possibile (dopo verifica collegio revisori dei conti, MEF, Funzione Pubblica) ed avrà la durata di un anno al termine del quale si valuterà, in base alla soddisfazione del personale, se rinnovarla o procedere con il bando per l’eventuale affidamento ad un’altra compagnia assicurativa.

Abbiamo inoltre apprezzato molto che la nostra proposta di utilizzare il residuo del fondo rimanente dopo la stipula della polizza sanitaria per la sottoscrizione di un contratto con la Corte dei Conti (già in essere con circa 128 tra Enti e Ministeri) ai fini dell’erogazione di prestazioni di medicina diagnostica in favore del personale dell’Istituto, sia stata accolta dall’Amministrazione.

Relativamente agli scorrimenti degli artt. 53 e 54, in seguito alle nostre ripetute richieste, ci è stato confermato che verranno chiamati tutti i colleghi fino ad esaurimento delle graduatorie (ex art. 54), utilizzando, in tempo reale, le risorse economiche che si renderanno a mano a mano disponibili in conseguenza dei prossimi pensionamenti.

In chiusura dell’incontro ci è stato comunicato che la Società GMA Food and Beverage si è aggiudicata la gara per il servizio bar/mensa leggera (senza utilizzo della cucina) dell’Istituto (previa verifica della regolarità della documentazione presentata e autorizzazione ASL) e che in ogni caso una parte dei locali sarà riservata, come da noi più volte richiesto, come refettorio per il personale attrezzandola con punti acqua e forni a microonde.

Saremo riconvocati tra circa due settimane per discutere finalmente dell’accessorio….

Vi terremo aggiornati!

IL DIRETTIVO FIR-CISL-ISS

Allegati e link esterni

Consiglio Generale FIR-CISL