SICUREZZA …. LAG…. DECORRENZA ART. 15

Condividi articolo

Facebook
Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Cari amici,

abbiamo avuto lunedì un incontro con l’Amministrazione relativamente al tema della Sicurezza.

L’Amministrazione ci ha illustrato i lavori ultimati recentemente in Istituto ai fini della Sicurezza (nuove porte antincendio secondo le nuove normative, lavori per l’installazione di cavi per migliorare la rivelazione degli incendi stessi, cabine elettriche, ecc.) ed ha comunicato che dalla scorsa estate è stato affidato ad una Società della CONSIP l’aggiornamento periodico del Documento di Valutazione del Rischio (VDR). 

La società affidataria ha già effettuato il sopralluogo nel 40% delle strutture dell’I.S.S. e sta proseguendo con le altre. 

Al termine del sopralluogo le criticità rilevate saranno comunicate sia ai Direttori di Struttura (per l’eliminazione delle criticità stesse e/o per la messa in atto di misure suppletive di tipo tecnico/organizzativo/procedurale) che all’Ufficio Logistica per l’eliminazione di quelle di carattere strutturale. 

E’ stato rappresentato dall’Amministrazione che sebbene ci sia stata da parte dei colleghi una cospicua adesione alla campagna antinfluenzale (775 persone) sono diversi coloro che non si presentano alla convocazione ricevuta dal Servizio Prevenzione e Protezione per l’accertamento sanitario ed il conseguente rinnovo dell’Idoneità al Lavoro. E’ stato ribadito che tale certificazione è essenziale (non tanto per chi lavora al videoterminale, quanto per chi opera in laboratorio a contatto con sostanze pericolose) e che i Direttori di Struttura devono sensibilizzare il proprio personale al riguardo.

Abbiamo fatto presente che la formazione del personale è prioritaria ed essenziale per la Sicurezza e che non sono state più effettuate prove periodiche di evacuazione. L’Amministrazione nel prenderne atto ha comunicato che sta lavorando alla Ristrutturazione del Piano delle Emergenze e che sta formando un gruppo ad hoc al riguardo e ci ha informato che sono già stati programmati dei corsi di formazione specifici sui dispositivi di protezione collettiva (cappe chimiche, cappe biologiche ed armadi di sicurezza).

Sono stati chiesti all’Amministrazione chiarimenti relativamente al decreto di scorrimento delle graduatorie art. 15 a Primo Tecnologo (in attesa della pubblicazione dei decreti anche per i profili di Primo Ricercatore e Dirigente di Ricerca).

Con sorpresa i colleghi interessati hanno appreso che l’inquadramento giuridico ed economico nel nuovo profilo sarà a partire dalla data di sottoscrizione del contratto e non più il 1 gennaio 2024, data che l’Amministrazione aveva comunicato fino all’ultimo incontro con le OO.SS.

Avevamo richiesto da subito chiarimenti all’amministrazione sul punto e ieri in occasione del tavolo, a seguito della nostra richiesta, l’Amministrazione ha rappresentato che tale situazione si è verificata a causa della sentenza, emessa dai giudici in primo grado di giudizio,in merito ad un ricorso (presentato, negli ultimi mesi, da chi è scorso dalle graduatorie passate art.15) che, purtroppo, pare disponga che le decorrenze giuridiche ed economiche non possano che essere dal giorno della stipula del contratto.

Non essendo, purtroppo, intervenuta l’interpretazione autentica in Aran sulla decorrenza delle procedure art. 15, siamo di fatto in balia dei giudici. Stiamo verificando con i nostri legali la situazione.

La nostra cultura sindacale ci ha imposto negli anni, a differenza di altre sigle, di NON stigmatizzare i colleghi che ricorrano contro dei provvedimenti amministrativi, perchè riteniamo che i colleghi non vadano mai attaccati.

Siamo rammaricati di questa situazione che forse l’interpretazione autentica, poc’anzi accennata, avrebbe evitato e per tale ragione avevamo deciso a gennaio di siglare la proposta presentata dall’ARAN sull’interpretazione della decorrenza dei passaggi. Anche per queste ragioni, per la mancanza di chiarezza sulle decorrenze giuridiche ed economiche dell’art. 15, non avevamo sponsorizzato tali ricorsi.

L’Amministrazione si è tuttavia impegnata (onde limitare l’effetto della sentenza) a chiamare in tempi brevi i colleghi per la firma del contratto. 

Abbiamo infine ricordato all’Amministrazione che a fronte della circolare pervenuta ieri ai Direttori di Dipartimento/Centro e Servizi, relativa a “Direttive in materia di svolgimento del lavoro a distanza” era stato concordato (preliminarmente a qualsiasi futura modifica delle precedenti linee guida) una preliminare discussione con le OO.SS che è stata disattesa e che in ogni caso l’art.140 del contratto, prevede, per il lavoro agile, modalità diverse di utilizzo per ricercatori e tecnologi. 

Chiederemo,  quindi, con la massima fermezza, che vengano  rispettate le disposizioni contrattuali e la carta europea dei ricercatori.

Vi terremo aggiornati come sempre.

Il Direttivo FIR-CISL-ISS

Allegati e link esterni