PROCLAMATO STATO DI AGITAZIONE COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA

Condividi articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un presidio con flash mob davanti al MIUR mercoledì 18 dicembre dalle ore 17 alle ore 19.

Questa l’iniziativa con cui FLC Cgil, CISL FSUR, UIL Scuola Rua, SNALS Confsal e GILDA Unams danno avvio allo stato di agitazione proclamato ufficialmente dalle segreterie unitarie a causa dei troppi nodi che restano ancora irrisolti nel momento in cui la legge di Bilancio 2020 giunge alle battute finali in Parlamento.

In testa alle rivendicazioni, l’aumento delle risorse per il rinnovo contrattuale.

Per la Ricerca il presidio rilancerà anche le motivazioni della manifestazione unitaria del 3 dicembre scorso:

– incremento del fondo di finanziamento degli Enti
– superamento frammentazione del sistema
– superamento del precariato
– incremento dei fondi del salario accessorio
– valorizzazione del personale e superamento del blocco delle carriere
– Garantire agli Enti di ricerca l’autonomia di spesa per il personale e per la programmazione delle assunzioni.
– rifiuto della burocratizzazione della Ricerca prevista dal ddl di bilancio relativamente alla Agenzia Nazionale di Ricerca.

Roma 16 dicembre 2019

 

Rinnovo CCNL. Convocate dall’ARaN le OO.SS. il 17 maggio 2022 per l’avvio del negoziato: partenza in salita, alla luce del Disegno di legge su università e ricerca e dell’Atto di indirizzo. Il Comunicato della Segreteria Nazionale FIR CISL.

Allegati e link esterni